Dialetti

Moderator: IpseDixit

User avatar
Massimiliano B
Posts: 1575
Joined: 2009-03-31, 10:01
Real Name: Massimiliano Bavieri
Gender: male
Location: Lucca
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby Massimiliano B » 2013-05-22, 16:08

Forza ragazzi, facciamo rivive' qquesta bella discussione 'n dialetto (o "pparlata", se vvolete chiamalla così). 'Un c'è ppiù nnessuno che vvole parlare nella su' lingua? Dopotutto, enno lingue anco queste, no? Su, datevi 'na mossa a scrivere!
Dette er nemlig Formelen, som beskriver Selvets Tilstand, naar Fortvivlelsen ganske er udryddet: i at forholde sig til sig selv, og i at ville være sig selv grunder Selvet gjennemsigtigt i den Magt, som satte det. (This is namely the formula, that describes the condition of the self, when despair is completely eradicated: by relating itself to itself, and by willing to be itself, the self is grounded transparently in the power which constituted it) (Søren Kierkegaard, The sickness unto death)

User avatar
Michael
Posts: 6810
Joined: 2009-07-21, 3:07
Real Name: Miguel aka Mike
Gender: male
Location: Oak Park (subúrbio de Chicago), Illinois
Country: US United States (United States)
Contact:

Re: Dialetti

Postby Michael » 2013-05-22, 18:46

Massimiliano B wrote:Forza ragazzi, facciamo rivive' qquesta bella discussione 'n dialetto (o "pparlata", se vvolete chiamalla così). 'Un c'è ppiù nnessuno che vvole parlare nella su' lingua? Dopotutto, enno lingue anco queste, no? Su, datevi 'na mossa a scrivere!

Ma chéss’è dialetto toscano? :shock: Z’arrasemiglia assía allo dialetto mè. A mmì me piace a pparlà ’ndialetto pizzonése! Mò štiengh’a ppenzà de cumenzà a scrívere na grammateca dello dialetto mè. Siengo štato truopp’a ’mbarà ’šte lingue štraniere, quando la propria lingua mè l’aja pruvuà de documentà, accuscì quando me moro, la lingua mè nun ze more ’nzieme cu mmì.

È ppure ’nteressante ca tenémo l’articulazióne doppia iniziale delle conzonante quasce alle štésse parte! P’esembio: “Forza vagliune, facémo revíve’ chésta bbella discussióne ’ndialetto (o ‘pparlanza’, se la vuléte chiamà p’accuscì). Nun ce šta cchiù nnesciúno che vvò (oppure ‘ca vò’) parlà la lingua sè? Doppotutto, sò llingue pure chéšte, no? Avante, pruvuate de scrívere nu puoco!”
N: American English (en-us) Pizzonese (nap) | B1: Italian (it) Mexican Spanish (es-mx) Brazilian Portuguese (pt-br) Greek (el) | A2: Persian (fa) Azerbaijani (az) | A1: Turkish (tr)  (sq)
Personal language journals: TAC ‘17 (general log) | Türkî/Türkçe
I appreciate all corrections. In fact, I encourage them!
AVATAR: Mustafa Kemal Atatürk, founder of the modern Turkish Republic and champion of secularism

User avatar
Massimiliano B
Posts: 1575
Joined: 2009-03-31, 10:01
Real Name: Massimiliano Bavieri
Gender: male
Location: Lucca
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby Massimiliano B » 2013-05-22, 22:28

HoItalosPhilellên wrote:Ma chéss’è dialetto toscano? :shock: Z’arrasemiglia assía allo dialetto mè.


Eh sì, è pproprio toscano, quello che ssi parla a Llucca. Ma a Llucca un c'è mia solo una parlata: ce n'enno di molte! C'è il lucchese più ggarbato e qquello un poìno più vvolgare (come qquello che uso in questi mi' messaggi). C'è cchi parla un po' meglio e cchi un po' peggio. Ma lla differenza dall'italiano 'un è mia poi molta! Si potrebbe anco arriva' a ddire che il lucchese è qquasi italiano.

Inzomma, a mme mi piace davero scrive' ccome ssi parla dalle mi' parti. Ma 'un è mia che pparlo lucchese da vando son nato! Infatti quand'ero piccino ho vissuto anche quattr'anni a Nnovara, e qquando son ritornato qui a Llucca mi faceva strano sentire tutte veste perzone che pparlavin così. Ma alla fine uno poi s'adegua, e sse stai coll'amici, dai e dai parli come lloro, 'un c'è vverzo!

Lo so che 'un è ffacile scrivere nella tu' parlata. Ma bbisogna provacci però! Sennò ppoi ci s'abitua a ddi' le solite 'ose e a usare tutti le stesse parole, che ppoi alla fine diventan logore!

Perciò vvi dico: 'un vi piritate! Qui ppotete scrive' ccome pparlate!
Dette er nemlig Formelen, som beskriver Selvets Tilstand, naar Fortvivlelsen ganske er udryddet: i at forholde sig til sig selv, og i at ville være sig selv grunder Selvet gjennemsigtigt i den Magt, som satte det. (This is namely the formula, that describes the condition of the self, when despair is completely eradicated: by relating itself to itself, and by willing to be itself, the self is grounded transparently in the power which constituted it) (Søren Kierkegaard, The sickness unto death)

User avatar
Itikar
Posts: 899
Joined: 2012-10-10, 19:56
Gender: male
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby Itikar » 2013-05-23, 21:01

Massimiliano B wrote:'Un c'è ppiù nnessuno che vvole parlare nella su' lingua? Dopotutto, enno lingue anco queste, no? Su, datevi 'na mossa a scrivere!

O Massimiliano grazie per la bòna idea che ttu hai avuto.
Mi fa pproprio piacere pote' llegge' ddu righe nella parlata de' mmi nonni.
Anco a mme mmi garbin parecchio i ddialetti e'vverna'oli. Te llo leggi il vernacoliere?
Quando vengo laggiù dda voi se llo trovo lo piglio sempre. Per me ll'è gganzo assai, anco se ll'è llivornese. Poi colle battutacce su' ppisani c'è da pisciassi addosso da ride'.
Te cche pensi di quel che è ssuccesso al luccheşe nel corso dell'anni? Qualche ttempo fa mmi son preso le famose poeşie di Geppe e anco se sson cresciuto co' mmi nonni devo di' cche cci capisco pogo. Un bricinino sì, pper carità, ma ttante parole me le devo fa' spiega' ddal mi nonno, ché un le só mia! :(
Magari se mmi riesce un giorno o ll'altro ne copio una qui ssul foro, così cci si diverte a lleggela.

È ppure ’nteressante ca tenémo l’articulazióne doppia iniziale delle conzonante quasce alle štésse parte! P’esembio: “Forza vagliune, facémo revíve’ chésta bbella discussióne ’ndialetto (o ‘pparlanza’, se la vuléte chiamà p’accuscì). Nun ce šta cchiù nnesciúno che vvò (oppure ‘ca vò’) parlà la lingua sè? Doppotutto, sò llingue pure chéšte, no? Avante, pruvuate de scrívere nu puoco!”

Al problem l'è che sti lingui chè i è difìsili da imparà. Mè indal me dialèt mantuan, a èsar sincer, agh capisi mia tant ben. La gramàtiga l'è'n mister ad quei impusibii, cui vèrb ch'i gh ha trè mila cuniugasiuni e cun la prununsia che l'è'n dulor unich cun töti cli vucai ch'a son mia bon ad ripétar.
Tè't sè mia cuma't sè fortünà a savì al to dialèt dla nasita. A credi ch'al dialèt sia al mòdu püsè ver ad parlà e che quand pirderòm i dialèt anca l'italian sarà meş mòrt.
L'è pròpia an pecà che acsè poghi i stüdia li nòstri bèli lingui regiunali.

Üatar quai àtar dialèt stüdièv ultra al vòstar?
A mè, quand a conosaró püsè mei al me dialèt, am piaşarès stüdià al sard e al vènet, e po anca di átar. Ma par adès l'è mei ch'a'm cunsentri sul me ch'agh'n ho bèla abastansa. :mrgreen:
Fletto i muscoli e sono nel vuoto!
All corrections are welcome and appreciated.

User avatar
Massimiliano B
Posts: 1575
Joined: 2009-03-31, 10:01
Real Name: Massimiliano Bavieri
Gender: male
Location: Lucca
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby Massimiliano B » 2013-05-25, 9:33

Itikar wrote:O Massimiliano grazie per la bòna idea che ttu hai avuto.
Mi fa pproprio piacere pote' llegge' ddu righe nella parlata de' mmi nonni.
Anco a mme mmi garbin parecchio i ddialetti e'vverna'oli. Te llo leggi il vernacoliere?
Quando vengo laggiù dda voi se llo trovo lo piglio sempre. Per me ll'è gganzo assai, anco se ll'è llivornese. Poi colle battutacce su' ppisani c'è da pisciassi addosso da ride'.
Te cche pensi di quel che è ssuccesso al luccheşe nel corso dell'anni? Qualche ttempo fa mmi son preso le famose poeşie di Geppe e anco se sson cresciuto co' mmi nonni devo di' cche cci capisco pogo. Un bricinino sì, pper carità, ma ttante parole me le devo fa' spiega' ddal mi nonno, ché un le só mia! :(
Magari se mmi riesce un giorno o ll'altro ne copio una qui ssul foro, così cci si diverte a lleggela.


Son contento che tti sia piaciuta la mi' idea.
Il Vernacoliere qualche vvolta l'ho letto, però lloro usin sempre la parola "deh", che io 'un ho mai capito 'osa significa!
Il lucchese è ccambiato si' in quest'ultim'anni! Ormai 'un si usin più ccerte parole d'una volta. E ha' a pprova'! Colla televisione che cc'ha martellato per anni - e ccontinua a ffallo! - è nnormale dimentiassi valcosa.
Copiala una poesia di Geppe! Almeno si legge du' righe 'n vero lucchese d'una volta, e nnon in quello moderno che uso io!


HoItalosPhilellên wrote:È ppure ’nteressante ca tenémo l’articulazióne doppia iniziale delle conzonante quasce alle štésse parte


Eh si', è 'nteressante. Li studiosi lo chiamin "raddoppiamento sintattico", che vvol di' cche ccerte parole fanno raddoppia' lla consonante della parola che vvien dopo.
Last edited by Massimiliano B on 2013-05-25, 16:21, edited 1 time in total.
Dette er nemlig Formelen, som beskriver Selvets Tilstand, naar Fortvivlelsen ganske er udryddet: i at forholde sig til sig selv, og i at ville være sig selv grunder Selvet gjennemsigtigt i den Magt, som satte det. (This is namely the formula, that describes the condition of the self, when despair is completely eradicated: by relating itself to itself, and by willing to be itself, the self is grounded transparently in the power which constituted it) (Søren Kierkegaard, The sickness unto death)

User avatar
Itikar
Posts: 899
Joined: 2012-10-10, 19:56
Gender: male
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby Itikar » 2013-05-25, 11:58

Massimiliano B wrote:Son contento che tti sia piaciuta la mi' idea.
Il Vernacoliere qualche vvolta l'ho letto, però lloro usin sempre la parola "deh", che io 'un ho mai capito 'osa significa!
Il lucchese è ccambiato si' in quest'ultim'anni! Ormai 'un si usin più ccerte parole d'una volta. E ha' a pprova'! Colla televisione che cc'ha martellato per anni- e ccontinua a ffallo! - è nnormale dimentiassi valcosa.
Copiala una poesia di Geppe! Almeno si legge du' righe 'n vero lucchese d'una volta, e nnon in quello moderno che uso io!

L'è ssempre méglio il tuo del mi lucchesse oriundo! :P
Da piccino parlavo con parole un pó' ppiù gganze. Crescendo però ll'hó perse quasi tutte. :(
I vverbi a ddi' lla verità un l'hó mai usati ammodino perché lleggevo troppo Topolino.
A pparte tronca' ll'infiniti e qqualche vvolta usa' "-ano" al posto di "-ono" (che un só manco se ssia tanto luccheşe) e un pochino di congiuntivo tipo "mi sembra ch'abbin paura" l'altre forme l'uso pogo.
L'altro giorno però mmi venne fori un bel "risposimo"! :)

L'imperativi lucchesi voaltri giovani l'usate ancòra? Quando da piccino venivo a Llucca si sentivino spesso. L'anziani mi sembra l'usino ancòra, ma su' ggiovani saréi curioso.

Eh si', e' 'nteressante. Li studiosi lo chiamin "raddoppiamento sintattico", che vvol di' cche ccerte parole fanno raddoppia' lla consonante della parola che vvien dopo.

Un è pper di' mma'l raddoppiamento si dovrébbe usa' anco in italiano (in generale di'o). Un usallo mia vòl di' pparla' co'n accento regionale. 'N accento polentone per esse' pprecişi. :twisted:

GEPPE DAR DOTTORE
Ma miri 'ui che stiappa... e che bruciore...
e che pinsotti... e come mi pissìa...
È un mese che patiscio, e sa?, un dolore
che un disgrasiato 'un lo sopporta mia...

L'hó prove tutte, ber mi' sor dottore...:
gruma di pippa, imparpi coll'ortìa,
léssora, sciungia, lo segnó i' rettore,
l'ungetti con dell'oglio di bugia...

Ma 'un servitte una p...! Iddio ha vorsuto,
per mèttimi alla prova, che patisci
lìe perunfin all'ultimo menuto.

Alla fin fin, po' hó ditto: «Ma, ch' i' accéi,
o che 'un ci ha a esse, ir can che mi 'uarisci?...»
...E allòra son vienuto 'ui da léi...

stappa: taglio, ferita - pissìa: pizzica - imparpi, impalpi: impiastri - léssora: ragnatelo - oglio: olio - ch' i' accéi: ch'io accechi
Fletto i muscoli e sono nel vuoto!
All corrections are welcome and appreciated.

User avatar
Massimiliano B
Posts: 1575
Joined: 2009-03-31, 10:01
Real Name: Massimiliano Bavieri
Gender: male
Location: Lucca
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby Massimiliano B » 2013-05-25, 17:48

Itikar wrote:L'è ssempre méglio il tuo del mi lucchesse oriundo! :P


O itikar, 'un si usa mia quella elle lì ddavanti a "è"! Così llo diano a Ffirenze e dda velle parti là. Ma qqui a Llucca no!

Itikar wrote:A pparte tronca' ll'infiniti e qqualche vvolta usa' "-ano" al posto di "-ono" (che un só manco se ssia tanto luccheşe) e un pochino di congiuntivo tipo "mi sembra ch'abbin paura" l'altre forme l'uso pogo.


Di solito si usa "-ino" o anche "-in". Altre volte anche "-ano" o "-an". Però «-ino» si dice anco quando il verbo è indicativo.

Bellina vella esse con quel biscaro 'n giù! Vole 'ndica' la esse dolce? Mi sembra propio 'na bella penzata vai! Io volevo usanne una con un pallino sotto. Ma ccomunque mi par bona anco la tua! Via, vorà di' cche lla userò anch'io!

Itikar wrote:L'imperativi lucchesi voaltri giovani l'usate ancòra?


Mi par che ll'unici c'ho sentito di' ssiano «chiude!» e «apre!», colla -e 'nvece della -i italiana
- come dde' rresto 'n latino, no? Una volta sentitti dì: «Chiude l'uscio, c'è riscontro!». Se vvoglio parla' bbene, certo che lli uso anco io!!

itikar wrote:Un è pper di' mma'l raddoppiamento si dovrébbe usa' anco in italiano (in generale di'o). Un usallo mia vòl di' pparla' co'n accento regionale. 'N accento polentone per esse' pprecişi. :twisted:


Quando parli lo usi sì il raddoppiamento - se ttu sse' del centro sudd Italia però, sennò no! - ma 'un lo scrivi! Eppoi 'un è cche ttutti lo usano nelli stessi casi.


GEPPE DAR DOTTORE
Ma miri 'ui che stiappa... e che bruciore...
e che pinsotti... e come mi pissìa...
È un mese che patiscio, e sa?, un dolore
che un disgrasiato 'un lo sopporta mia...

L'hó prove tutte, ber mi' sor dottore...:
gruma di pippa, imparpi coll'ortìa,
léssora, sciungia, lo segnó i' rettore,
l'ungetti con dell'oglio di bugia...

Ma 'un servitte una p...! Iddio ha vorsuto,
per mèttimi alla prova, che patisci
lìe perunfin all'ultimo menuto.

Alla fin fin, po' hó ditto: «Ma, ch' i' accéi,
o che 'un ci ha a esse, ir can che mi 'uarisci?...»
...E allòra son vienuto 'ui da léi...

stappa: taglio, ferita - pissìa: pizzica - imparpi, impalpi: impiastri - léssora: ragnatelo - oglio: olio - ch' i' accéi: ch'io accechi


Era sodo vai, Custer de' Nobili!
Capisco tutto, a pparte léssora e sciungia. Poi l'altre parole le so. Lu' usa la esse 'nvece della zeta. Ho sentito anch'io varche vvecchio usa' ancora vesta pronuncia, ma ormai la gente vole parla' ammodino, sicché ora diano la zeta. Una volta uno disse: «Vado alla stassione»!
Lu' ddice anco «l'hó prove», che signifia «le ho provate». Così llo diano mi pare verzo Capannori, se 'un isbaglio.



Ma 'nzomma, come sarà ganzo scrive' nella tu' parlata? Ti vien fòri vella verve che lla lingua ufficiale e artificiale ti fa ppassare. Ci si sente meglio. Sicché ripeto a ttutti: scrivete nella vostra parlata!!
Last edited by Massimiliano B on 2013-05-25, 22:10, edited 1 time in total.
Dette er nemlig Formelen, som beskriver Selvets Tilstand, naar Fortvivlelsen ganske er udryddet: i at forholde sig til sig selv, og i at ville være sig selv grunder Selvet gjennemsigtigt i den Magt, som satte det. (This is namely the formula, that describes the condition of the self, when despair is completely eradicated: by relating itself to itself, and by willing to be itself, the self is grounded transparently in the power which constituted it) (Søren Kierkegaard, The sickness unto death)

User avatar
Itikar
Posts: 899
Joined: 2012-10-10, 19:56
Gender: male
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby Itikar » 2013-05-25, 20:25

Massimiliano B wrote:O itikar, 'un si usa mia quella elle lì ddavanti a "è"! Così llo diano a Ffirenze e dda velle parti là. Ma qqui a Llucca no!

È che lla mi' mamma e 'mmi' nonni la usino ogni tanto. Ma cci sta che ssia 'na contaminazione come qquando dican "via, vo via". Io'n genere la uso pogo, perché ormai da parecchio parlo così ssolo con mamma e cco' pparenti, e qquindi cj hó 'na specie di idioletto abbriccicato che pperò è ppure la mi vera lingua madre. :(

E ppoi c'è anco l'influssaccio di sti dialetti di quassù. Che ffino a qqualch'anno fa 'un sapevo manco se "mia" fosse luccheşe o mmantovano. La cosa scioccante fu scopri' cche il "mia" ce l'avevin tutti 'ddue!!!

A pparte li scherzi grazie per la corezione. :)


Bellina vella esse con quel biscaro 'n giù! Vole 'ndica' la esse dolce? Mi sembra propio 'na bella penzata vai! Io volevo usanne una con un pallino sotto. Ma ccomunque mi par bona anco la tua! Via, vorà di' cche lla userò anch'io!

Ma a ditti la verità ieri sera volevo sincerammi di fa' ccapi' che l"lucchese" si diceva colla esse dolce e allòra mi venne'n mente pe' scrivela d'usa' quell'aggeggio lì che cci s'ha noialtri in mantovano. Penso vadin benissimo anco 'ppallini.

Mi par che ll'unici c'ho sentito di' ssiano «chiude!» e «apre!», colla -e 'nvece della -i italiana
- come dde' rresto 'n latino, no? Una volta sentitti dì: «Chiude l'uscio, c'è riscontro!». Se vvoglio parla' bbene, certo che lli uso anco io!!

Io avevo sentito di' spesso "legge qua" sopra tutto quando il mi' nonno voleva che nni leggessin i bbiglietti delle pasticche che pigliava. Ma quelli lì però en facili. :P
Difficili son quando c'è ir clitico, sente qua:
"porta a spasso il cane per me"
"portelo a spasso per me"
"portimelo a spasso"
Ogni tanto li usavo, ma 'un è cche cci fossi pratico. I mmi' nonni riescano a usalli ma per eşempio mi' ma' nno.

Era sodo vai, Custer de' Nobili!
Capisco tutto, a pparte léssora e sciungia. Poi l'altre parole le so. Lu' usa la esse 'nvece della zeta. Ho sentito anch'io varche vvecchio usa' ancora vesta pronuncia, ma ormai la gente vole parla' ammodino, sicché ora diano la zeta. Una volta uno disse: «Vado alla stassione»!
Lu' ddice anco «l'hó prove», che signifia «l'ho provate». Così llo diano mi pare verzo Capannori, se 'un isbaglio.

Io sapevo che c'erino ma ddi persona 'un l'hó mai sentite purtroppo. La sciungia invece mi sa che un tu lla conosci perché è na roba che grazie al cielo i ddottori d'oggi 'un usin più. In italiano sarébbe la "sugna", cioè il grasso di maiale, lo strutto. [È cchiaro che ssiccome manco sapevo che vvolesse di' in italiano me la son dovuta anda' a ccerca' nnel vocabolario]

Ma 'nzomma, come sarà ganzo scrive' nella tu' parlata?

È ganzo sì. Anco perché tti pòi immagina' aquassù son sotto assedio. :D
Fletto i muscoli e sono nel vuoto!
All corrections are welcome and appreciated.

User avatar
OldBoring
Language Forum Moderator
Posts: 5248
Joined: 2012-12-08, 7:19
Real Name: Francesco
Gender: male
Location: Peking
Country: CN China (中国)
Contact:

Re: Dialetti

Postby OldBoring » 2013-05-26, 13:14

Molto 'nteressante lègge' tutte 'ste discussioni 'n dialetto.
Beh, er romanesco ci ha /tʃa/ p·poco de interessante. È tarmente diffuso nei media che più o m·meno sòna famijjare pe' t·tutti l'italiani. È p·pure abbastanza simile all'italiano, tanto che n·nemmanco 'o consideramo un vero e p·propio dialetto, ma piuttosto 'na parlata, 'na varietà bassa d'italiano.
Che poi er romanaccio moderno che parlamo oggi a Roma ci ha p·poco a c·che v·véde' cor vero romanesco classico der Belli e der Trilussa. Quelli sì ch'erano veri poeti! Quello sì ch'era er vero romanesco!

Pe' m·me er dialetto è sacro. Infatti a casa mia parlamo er dialetto cinese co mi' padre, mi' madre e li zii; invece co mi' fratello e tra c·cuggini mischiamo er dialetto cinese co(r) romano.

Ah Itikare, ma 'nzomma te parli mejo er lucchese der dialetto de do' vivi, è ve'?

User avatar
Itikar
Posts: 899
Joined: 2012-10-10, 19:56
Gender: male
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby Itikar » 2013-05-26, 22:36

蒿子秆儿 wrote:Ah Itikare, ma 'nzomma te parli mejo er lucchese der dialetto de do' vivi, è ve'?

Chiamallo luccheşe è'n popoino eşagerato, però ddi sicuro lo parlo méglio che'l mantovano. :P
Ciamal lüches 'l è an po' eşagerà, peró ad secür a'l parli mèi che al mantuan. :P
Fletto i muscoli e sono nel vuoto!
All corrections are welcome and appreciated.

User avatar
iodalach93
Posts: 840
Joined: 2013-01-03, 23:51
Real Name: Alex
Gender: male
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby iodalach93 » 2013-05-27, 2:42

È 'nteressante vedé ccom'ognuno s'ingegna pe pprovà a scrive nnel su dialetto :) Bellina la tu trovata, Massimiliano, di scrive lle doppie a inizio parola... però lla gorgia un la segni punto?

Un po' di tempo fa cci s'era 'ngegnati io e un mi amiho a 'nventà un alfabeto pel toscano. Però ppoi un se n'è ffatto più ddi nulla huando ci siamo accorti he si parlava diverso anche se ss'abitava a ssolo 5 hilometri di distanza! Com'avevo già scritto in un altro topicche, basta il confine naturale del fiume Cecina pe ffagli chiamà lle bimbe "la Giulia" o "la Sara" huando io diho altro he "Giulia" e "Sara" senza punti fronzoli prima! Lui ficca le R dappertutto (ir mi babbo, l'artro giorno) invece io un lo faccio... e quando c'ho da usà l'infinito di hualche vverbo inzieme a un pronome perzonale oggetto (tipo "metterlo") a me mi viene spontaneo di dì "mettello" e a lui "mettilo".

Pe rritornà sul raddoppiamento sintattico, c'ho da ddì che vvenì a studià in Romagna è stata una decisione distruttiva: prima dicevo senza problemi "vabbè" e adesso mi viene da ddì "va bè" co una bi ssola perché ssennò mmi sembra di parlà ccome i ghiozzi! :roll:
 (en) Please correct my mistakes.  (fr) Corrigez mes erreurs, s'il vous plaît.  (sv) Snälla, rätta till mina fel.  (ru) Исправляйте, пожалуйста, мои ошибки.  (ja) 間違いを正してください。  (ar) تصحّحوا أخطائي من فضلكم.  (el) Παρακαλώ διορθώστε τα λάθη μου.  (ga) Ceartaígí mo chuid earráidí, le bhur dtoil.  (fa) لطفا اشتباهاتم را اصلاح کنید.

User avatar
Massimiliano B
Posts: 1575
Joined: 2009-03-31, 10:01
Real Name: Massimiliano Bavieri
Gender: male
Location: Lucca
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby Massimiliano B » 2013-05-28, 11:18

@ Itikar:

anch'io dio 'osì ccome hai scritto:

Porta a spasso il cane!
Portelo a spasso!
Portimelo a spasso! (portimelo vorrebbe di' "portelo per me").

Il primo mi vien da dillo colla a finale. 'Un lo so perché! Forze è ll'italiano che è arivato fin qui dda noi. L'altri 'un saprei. Pòle anco dassi che "pportelo" sia rimasto come ssi diceva 'na volta, vale a ddi' colla e. Però ssi dice "portimi il cane a spasso!". Fórze la i ffinale di -mi fa ddiventa' i anco la e ddel verbo. Poi, vando ci attacchi un "lo" ffinale, la i rrimane i, come qquando si dice "portimelo". Ma 'un son mia siuro, eh!


@ iodalach93:

la gorgia a Llucca 'un è ccome a Ffirenze-Prato-Pistoia o anco Siena. Nel lucchese o ddici per esempio "ti dio 'na 'osa" senza ci, oppure lo dici colla ci ccome 'n italiano. A vvolte a qqualcuno ni vien fòri un sòno come qquando 'ttedeschi diano auch o ccome lla lèttera x de' russi, e nnon come lla acca inglese, come 'nvece lo diano a Ffirenze per esempio.

Le parlate toscane son tante, è vvero, ma cche cci vòi fare? È mmeglio scrivelle 'osì, tutte diverze l'una dall'altra, dammi retta, sennò anco 'l toscano diventerebbe 'na lingua monotona!


@ 蒿子秆儿 (ma pper me se' sempre youngfun!!):

anch'io penzo che 'l dialetto sia sacro. Anzi, fórze, ti dio che è lla vera lingua!
Dette er nemlig Formelen, som beskriver Selvets Tilstand, naar Fortvivlelsen ganske er udryddet: i at forholde sig til sig selv, og i at ville være sig selv grunder Selvet gjennemsigtigt i den Magt, som satte det. (This is namely the formula, that describes the condition of the self, when despair is completely eradicated: by relating itself to itself, and by willing to be itself, the self is grounded transparently in the power which constituted it) (Søren Kierkegaard, The sickness unto death)

User avatar
IpseDixit
Language Forum Moderator
Posts: 8676
Joined: 2013-05-06, 21:06
Gender: male
Location: Bologna (originally from Florence)
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby IpseDixit » 2013-06-01, 15:13

Io unn'ho mai capiho se i'fiorentino l'è un dialetto tennihamente, sento sempre dì che noi unn ci sà un vero dialetto... boooo, comunque se vu' volehe cimentarvi in codesta lingua, c'è in commercio i'dizionario de i'vernaholo fiorentino.


Sarei stato molto più figo se avessi conosciuto il Ladino, la lingua di mia nonna ç_ç che poi non è neanche un dialetto ma una lingua vera e propria... Ne approfitto per pubblcizzarla :-P

(alcune varietà)

http://www.youtube.com/watch?v=tuXOSL7fmjA

http://www.youtube.com/watch?v=AI15T7wH2vM

User avatar
IpseDixit
Language Forum Moderator
Posts: 8676
Joined: 2013-05-06, 21:06
Gender: male
Location: Bologna (originally from Florence)
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby IpseDixit » 2013-06-01, 15:21

Massimiliano B wrote:Su, datevi 'na mossa a scrivere!


Da me sarebbe diventaho dahei 'na mossa

Perché tutti pensan che ci si mangia solo le C ma unn'è miha vero, le T e le V sò attretanto bone :-)

E ogni tanto la T diventa TH all'inglese, la G morbida, J alla francese e la C morbida una specie di SC più marcaho :-)

Codesto l'è i'vero fiorentino hardcore 8-)

User avatar
Michael
Posts: 6810
Joined: 2009-07-21, 3:07
Real Name: Miguel aka Mike
Gender: male
Location: Oak Park (subúrbio de Chicago), Illinois
Country: US United States (United States)
Contact:

Re: Dialetti

Postby Michael » 2013-06-01, 16:16

Pure pe mmì lo dialetto è nna cósa sagra. È ppeccato ca sule parlo ’ndialetto cu Nnonnema e l’jiatre paisiane, pecché pure Cuggínema pô parlà ’ndialetto cómm’a mmì, ma mì e éssa ce parlémo dént’a ’nglése, e sule ’ndialetto quando vulémo nascónne’ chello che štém’a ddíce’. È ca tutte le ggiune italomerecane, se ce ne stiano ancóra, num parlano cchiù lla lingua, sia la lingua nazzionale sia dialetto. Accuscì, manche ce šta nesciúno cu cchì putémo parlà o fà na chiacchiariata. Sémo già americanizzate tuttecuante. :(
N: American English (en-us) Pizzonese (nap) | B1: Italian (it) Mexican Spanish (es-mx) Brazilian Portuguese (pt-br) Greek (el) | A2: Persian (fa) Azerbaijani (az) | A1: Turkish (tr)  (sq)
Personal language journals: TAC ‘17 (general log) | Türkî/Türkçe
I appreciate all corrections. In fact, I encourage them!
AVATAR: Mustafa Kemal Atatürk, founder of the modern Turkish Republic and champion of secularism

User avatar
Massimiliano B
Posts: 1575
Joined: 2009-03-31, 10:01
Real Name: Massimiliano Bavieri
Gender: male
Location: Lucca
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby Massimiliano B » 2013-06-07, 23:51

IpseDixit wrote:
Massimiliano B wrote:Su, datevi 'na mossa a scrivere!


Da me sarebbe diventaho dahei 'na mossa

Perché tutti pensan che ci si mangia solo le C ma unn'è miha vero, le T e le V sò attretanto bone :-)

E ogni tanto la T diventa TH all'inglese, la G morbida, J alla francese e la C morbida una specie di SC più marcaho :-)

Codesto l'è i'vero fiorentino hardcore 8-)


A Llucca ci si mangiano un po' meno, anzi, a ddi' lla verità di solito si pronuncian ammodo. Però, pòle capita' anco che la «ci» ddura sparisca propio. Per esempio a vvolte la gente dice «una 'osa» oppure «fòo» o «giòo (che sarebbero il «fuoco» e il «gioco»), senza «c».
Dette er nemlig Formelen, som beskriver Selvets Tilstand, naar Fortvivlelsen ganske er udryddet: i at forholde sig til sig selv, og i at ville være sig selv grunder Selvet gjennemsigtigt i den Magt, som satte det. (This is namely the formula, that describes the condition of the self, when despair is completely eradicated: by relating itself to itself, and by willing to be itself, the self is grounded transparently in the power which constituted it) (Søren Kierkegaard, The sickness unto death)

User avatar
Massimiliano B
Posts: 1575
Joined: 2009-03-31, 10:01
Real Name: Massimiliano Bavieri
Gender: male
Location: Lucca
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby Massimiliano B » 2013-07-13, 13:02

È ppossibile che 'un ci sia più nnessuno che vvoglia scrive' nella su' parlata? L'italiano ufficiale v'ha ammutoliti?
Dette er nemlig Formelen, som beskriver Selvets Tilstand, naar Fortvivlelsen ganske er udryddet: i at forholde sig til sig selv, og i at ville være sig selv grunder Selvet gjennemsigtigt i den Magt, som satte det. (This is namely the formula, that describes the condition of the self, when despair is completely eradicated: by relating itself to itself, and by willing to be itself, the self is grounded transparently in the power which constituted it) (Søren Kierkegaard, The sickness unto death)

User avatar
IpseDixit
Language Forum Moderator
Posts: 8676
Joined: 2013-05-06, 21:06
Gender: male
Location: Bologna (originally from Florence)
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby IpseDixit » 2013-07-13, 13:44

'Unn vorrei fa' la parte de' i' palloso, ma so' l'uniho a cui ogni tanto sembra ridhiholo provare a scrivere i' dialetto?

Poi un altro problema è che, parlando per il fiorentino, certe volte le regole di pronuncia non sono così precise. Ad esempio la parola ridicolo la posso pronunciare come:

ridiholo

ridhiholo

ridhi'olo.

e con dh intendo una cosa simile a una D un po' aspirata.

E ciò vale anche per molte altre parole.

Poi esistono dei fonemi a cui non saprei associare un segno grafico. Ad esempio la C morbida fiorentina che è un misto tra una C e una SC...

Comunque il problema o forse proprio la bellezza del dialetto è che vere regole di pronuncia non esistono, ma anzi, per quanto mi concerne, si adattano all'umore della persona. Ad esempio, io più sono arrabbiato, annoiato o "sfavato" più aspiro e strascico le parole.

Secondo me è anche questo il bello dei dialetti, che sono un po' più anarchici della lingua ufficiale.

Ma probabilmente molti non si troveranno d'accordo.

User avatar
Michael
Posts: 6810
Joined: 2009-07-21, 3:07
Real Name: Miguel aka Mike
Gender: male
Location: Oak Park (subúrbio de Chicago), Illinois
Country: US United States (United States)
Contact:

Re: Dialetti

Postby Michael » 2013-07-13, 18:33

Cóme scrivo ‘ndialetto nun è veramente cóme ze parla. Nu pochettino de cuse ze perdono quando le scrivo, però se le scrivésse proprio cóme ze parlasse, me sembrasse brutta l’ortografia.
/ˈkou̯mə ˈsːkriːvə n̪d̪iaˈletːə nən ɛ veɾaˈmen̪d̪ə ˈkou̯mə tsə parla. Nə ˌpəgəˈtːiːnə də guzə tsə ˈpɛrdənə kwoə̯n̪d̪ə lə sːkriːvə, peˈro sə lə sːkrəˈvei̯sːə ˈprobriə ˈkou̯mə tsə parˈlasːə, mə səmˈbrasːə bːrutːa lortogːraˈfiːa./
:|
N: American English (en-us) Pizzonese (nap) | B1: Italian (it) Mexican Spanish (es-mx) Brazilian Portuguese (pt-br) Greek (el) | A2: Persian (fa) Azerbaijani (az) | A1: Turkish (tr)  (sq)
Personal language journals: TAC ‘17 (general log) | Türkî/Türkçe
I appreciate all corrections. In fact, I encourage them!
AVATAR: Mustafa Kemal Atatürk, founder of the modern Turkish Republic and champion of secularism

User avatar
IpseDixit
Language Forum Moderator
Posts: 8676
Joined: 2013-05-06, 21:06
Gender: male
Location: Bologna (originally from Florence)
Country: IT Italy (Italia)

Re: Dialetti

Postby IpseDixit » 2013-07-14, 8:21

HoItalosPhilellên wrote:Cóme scrivo ‘ndialetto nun è veramente cóme ze parla. Nu pochettino de cuse ze perdono quando le scrivo, però se le scrivésse proprio cóme ze parlasse, me sembrasse brutta l’ortografia.
/ˈkou̯mə ˈsːkriːvə n̪d̪iaˈletːə nən ɛ veɾaˈmen̪d̪ə ˈkou̯mə tsə parla. Nə ˌpəgəˈtːiːnə də guzə tsə ˈpɛrdənə kwoə̯n̪d̪ə lə sːkriːvə, peˈro sə lə sːkrəˈvei̯sːə ˈprobriə ˈkou̯mə tsə parˈlasːə, mə səmˈbrasːə bːrutːa lortogːraˈfiːa./
:|


Eheh ti capisco.


Return to “Italian (Italiano)”

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest